Piazza Italia, 9 - 15011 - Acqui Terme - (AL) Tel: 0144 322575 Email: acquiterme@rotary2032.it

Mostra Antologica di pittura

A partire dal 1970 la mostra antologica ha ospitato, nel periodo estivo, i maggiori esponenti della pittura del ‘900. Sede storica dell’esposizione è il Palazzo Liceo Saracco.

Il Rotary Club Acqui Terme, ogni anno, stampa il pieghevole “Omaggio al visitatore”  con la presentazione della tradizionale mostra.

 

morando_mostra_antologica

Nata nel 1970, si è svolta, da luglio a settembre, fino all’anno 2000 presso il Palazzo Liceo Saracco; successivamente è stata trasferita presso la prestigiosa sede del Palafeste, ex opificio Kaimano, appositamente ristrutturato dal Comune. In questi anni la mostra antologica ha ospitato i maggiori esponenti della pittura del ‘900: Morando, Morlotti, Casorati, Guttuso, Chighine, Sutherland, Levi, De Pisis, Carrà, Rosai, Morandi, Sironi, Campigli ,”Amate Sponde” Pittura di Paesaggio in Italia, Licini, I sei di Torino, Francese, Music, Reycend, Moreni, Guidi, Soffici, Ruggeri, Calandri, “Paesisti Piemontesi dell’800”, Il paesaggio di Carrà, “Vita silente – Giorgio de Chirico dalla metafisica al Barocco”, “Mario Sironi. Paesaggi Urbani”, “Felice Casorati. Il nudo”, “Filippo de Pisis, La poesia nei fiori e nelle cose”, “Dal Divisionismo all’Informale. Le due nature nella pittura Piemontese tra i due secoli 1880-1960”, “La scultura lingua viva. Arturo Martini e il rinnovamento della scultura in Italia nella seconda metà del Novecento”, “I neri di Burri”.

Dal 2004 si è ritornati presso la storica sede del Liceo Saracco con la mostra dedicata al pittore ligure Rubaldo Merello, cui è seguita, nel 2005, quella delle opere di Aroldo Bonzagni, nel 2006 quella del grande artista Giacomo Balla, nel 2007 Carlo Fornara, nel 2008 Sigfrido Bartolini e nel 2009 Mino Maccari.

La rassegna del 2010, in occasione dei 40 anni di attività, ha ripercorso l’intera vicenda espositiva della città di Acqui Terme.
Nel 2012, dopo un’interruzione di un anno, l’annuale mostra è stata dedicata ai tre pittori torinesi Ruggeri, Saroni e Soffiantino.

La mostra del 2013, che è dedicata a Enrico Paulucci, «… pur rappresentando l’intera produzione artistica di Paulucci – spiega l’architetto Adolfo Carozzi, curatore della rassegna – si sofferma volutamente sul periodo centrale della sua attività, per sottolineare la sua continua incessante ricerca volta all’orizzonte che rimane un confine da oltrepassare, da scoprire». L’immagine scelta per la promozione della mostra, riprodotta anche sul catalogo, bene evidenzia il sottotitolo della rassegna: «Una fuga in avanti».

La mostra del 2014, curata dall’architetto Adolfo Carozzi, rende omaggio a Ugo Nespolo, uno dei protagonisti dell’arte italiana contemporanea. Viene proposta l’intera produzione dell’artista, con l’esposizione di quaranta significative opere dagli inizi degli anni Sessanta fino all’ultimo attuale periodo. Si sofferma poi sull’aspetto più particolare della sua attività, il cinema, per sottolineare la sua incessante ricerca e la sua costante attenzione agli aspetti sociali e culturali dell’umanità contemporanea. L’antologica dedica quindi, oltre alla grande sala centrale e alle due laterali, un ambiente appositamente allestito ed attrezzato per la visione dei film prodotti e diretti dall’artista fin dal 1966.

La mostra del 2015 è intitolata “PICASSO segni dialoganti”. Curata dall’Architetto Adolfo Carozzi, occupa quattro sale del Palazzo Liceo Saracco, sede storica della manifestazione. Le opere di grafica, in ceramica e la tela ad olio, in tutto 48, appartengono alla Collezione della Fondazione Pablo Ruiz Picasso Museo Casa Natale, Municipio di Malaga. Sono disposte in base ai temi trattati in ambienti cromaticamente differenti, se pur omogenei tra loro grazie all’utilizzo di identiche tipologie: le Figure femminili, la Mitologia, la Tauromachia, la Natura Morta e il Paesaggio. Nella sala principale dedicata alle Figure femminili primeggia l’olio su tela «El Pintor y su modelo I» del 1963, per la prima volta in Italia.

 

ALBO D’ORO MOSTRE ANTOLOGICHE

1970 Pietro Morando
1972 Ennio Morlotti
1973 Felice Casorati
1974 Renato Guttuso
1975 Alfredo Chighine
1976 Graham Sutherland
1977 Carlo Levi
1978 Filippo de Pisis
1979 Carlo Carrà
1980 Ottone Rosai
1981 Giorgio Morandi
1982 Mario Sironi
1983 Massimo Campigli
1984 Amate sponde
1985 Osvaldo Licini
1986 I Sei di Torino
1987 Franco Francese
1988 Zoran Music
1989 Enrico Reycend
1990 Mattia Moreni
1991 Virgilio Guidi
1992 Ardengo Soffici

1993 Piero Ruggeri
1994 Mario Calandri
1995 Paesisti piemontesi dell’Ottocento
1996 Il paesaggio di Carrà
1997 Giorgio de Chirico – Vita silente
1998 Mario Sironi – Paesaggi urbani
1999 Felice Casorati – Il nudo
2000 Filippo de Pisis – La poesia nei fiori e nelle cose
2001 Dal Divisionismo all’Informale in Piemonte
2002 La Scultura lingua viva
2003 I Neri di Burri
2004 Rubaldo Merello
2005 Aroldo Bonzagni
2006 Balla futurista
2007 Carlo Fornara
2008 Sigfrido Bartolini e il suo mondo Soffici, Sironi, Carrà
2009 Mino Maccari – I Maccari di Maccari
2010 Da Balla a Sutherland – Quarant’anni di mostre a Palazzo Saracco
2012 Ruggeri, Saroni e Soffiantino
2013 Enrico Paulucci – Una fuga in avanti
2014 Ugo Nespolo – Le stanze dell’immagine

2015 PICASSO segni dialoganti